Festival de Locarno (10) Tableau Noir, Yves Yersin – Rispetto, riservatezza e naturalezza (Concorso Internazionale)

Tableau_noir_anagramme

In una piccola scuola situata tra le montagne, a 1150 metri sopra il livello del mare, tra i pascoli della cresta della Val-de-Ruz, nel Canton Neuchâtel, Gilbert Hirschi e Debora Ferrari insegnano ad un unica classe di allievi tra i sei e gli undici anni, di cui la maggior parte fratelli o cugini. Per una decisione presa da organi politici superiori, la scuola dovrà però essere chiusa. Viene tentata una vana resistenza, lanciato un referendum, ma i risultati della votazione popolare che segue parlano chiaro: il cinquantadue percento dei votanti vuole chiudere la scuola.

Per un anno, Yves Yersin segue con occhio onnipresente la classe, dal primo giorno di scuola allo smantellamento finale, in aula, durante le gite ma anche nelle case degli allievi, mostrandoci quello che era una sorta d’inviolato microcosmo.
Delle godibilissime due ore di questo documentario colpiscono la riservatezza, il rispetto e la naturalezza con cui Yersin, nonostante l’inevitabile invadenza della camera, riesce a filmare questi bambini, mostrando le varie sfaccettature di ognuno di essi e le dinamiche sociali del gruppo, dai momenti di tenerezza alle liti, fino alle difficoltà scolastiche.
Allo stesso tempo, attraverso i pochi dialoghi filmati tra Hirschi e gli altri adulti della regione veniamo a conoscenza di come viene vissuta la decisione della chiusura della scuola da chi ne viene davvero toccato: come un’ingiustizia, perché proveniente dall’esterno di questo universo isolato, come ingiustificata proprio perché presa da chi non ha cognizione di causa, come la distruzione dell’unico e indispensabile collante sociale che tiene viva e unita questa regione di montagna.

Giovanni Giovannoli, 18 anni

Advertisements
This entry was posted in TGC Ticino. Bookmark the permalink.

Laisser un commentaire

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Changer )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Changer )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Changer )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Changer )

Connecting to %s