12 anni schiavo (Steve McQueen) – Schiavi senza umanità

CSimonetta_Davide_Eliasonsidero 12 anni schiavo un gran bel film. Si tratta di un film che tocca il cuore, che coinvolge e che riesce a far suscitare forti emozioni.

L’ultimo film di Steve McQueen mi ha ricordato Django Unchained di Quentin Tarantino, visto che pure lui tratta argomenti come il razzismo e la schiavitù. Ma nel complesso si può dire che 12 anni schiavo paragonato a il film di Tarantino, è definitivamente diverso.

Nel film di McQueen, oltre alle tematiche del razzismo e della schiavitù ne viene aggiunta un’altra che accentua ulteriormente l’impatto emotivo, ovvero la tematica legata al rapimento di cittadini afroamericani considerati liberi che vengono trasformati per inganno in veri e propri schiavi.

Basandosi sull’autobiografia di Solomon Northup (il protagonista del film), McQueen è capace attraverso scene incredibilmente violente e raccapriccianti, a mostrare le barbarie derivate dal razzismo. Infatti si può vedere come gli schiavi, perdono ogni segno di umanità che li contraddistingue dalle bestie. Il film è difficile da vedere, proprio perché Steve McQueen, è in grado di farci immedesimare nel protagonista e così in qualche modo noi spettatori soffriamo insieme a lui. Un film che fa riflettere…

Davide Elias Simonetta, Scuola Cantonale di Commercio di Bellinzona, 19 anni

Advertisements
This entry was posted in TGC Ticino. Bookmark the permalink.

Laisser un commentaire

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Changer )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Changer )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Changer )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Changer )

Connecting to %s