12 anni schiavo (Steve McQueen) – Solidarietà vs. Disumanità

Troillo_Laura12 anni schiavo tratta la dura tematica della schiavitù americana del diciannovesimo secolo, quando schiavi neri venivano venduti per lavorare nelle piantagioni di cotone.

È il “biopic” di Solomon Northup, un uomo che conduce una vita serena con la sua famiglia, ma che un giorno viene rapito ed espatriato per essere reso un uomo schiavo oppresso dall’ingiustizia.

Purtroppo Solomon è impotente di fronte alla crudeltà degli schiavisti che lo hanno privato della sua libertà e, non potendo nulla per far rispettare le leggi già in vigore per evitare la tratta, rimane in una situazione di schiavitù per ben dodici anni, lontano dalla famiglia e dall’emancipazione che ogni uomo merita.

Come traspare dalle emozioni dei personaggi, la situazione di tirannia alla quale essi sono sottoposti fa emergere una sensazione di solidarietà. I capi delle piantagioni invece mostrano a stento brevi e fievoli sprazzi di umanità, mantenendo perlopiù un atteggiamento dittatoriale e trattando i loro schiavi come se fossero unicamente degli oggetti di loro proprietà.

L’ambientazione si confà perfettamente alle emozioni che la storia suscita e la colonna sonora ci riporta in un’epoca scelta strategicamente, nella quale i diritti dell’uomo e la semplicità delle menti umane dovevano ancora incontrare la loro evoluzione.

Laura Troillo, Scuola Cantonale di Commercio di Bellinzona, 19 anni

Advertisements
This entry was posted in TGC Ticino. Bookmark the permalink.

Laisser un commentaire

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Changer )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Changer )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Changer )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Changer )

Connecting to %s